consumi

Come richiedere un prestito personale

prestiti_personaliIl mercato dei prestiti è composto da tipologie di finanziamenti molto diverse: la principale distinzione può essere effettuata sulla base della destinazione dell’importo erogato. Esistono prestiti personali, ovvero soluzioni per le quali la società erogante non richiede alcuna dichiarazione di finalità, e finanziamenti finalizzati, che invece sono destinati all’acquisto di beni e servizi specifici, oggetto di prestito.
Per quanto riguarda i prestiti personali, in genere, la richiesta di un finanziamento risponde ad una esigenza di liquidità: spesso accade, infatti, che per far fronte ad una spesa improvvisa o pianificare un progetto personale, sia necessario richiedere un importo per affrontare con maggiore serenità una situazione non programmata o rateizzare una spesa importante.
Per richiedere un prestito è consigliabile realizzare un’attenta e scrupolosa valutazione delle migliori offerte disponibili sul mercato proposte da società finanziarie qualificate, broker che operano online e banche tradizionali. Per il confronto delle rate di rimborso e delle soluzioni di prestito più vantaggiose, online sono disponibili anche utili tools di comparazione e strumenti di calcolo semplici e gratuiti, come calcolatori e simulatori del piano di rimborso.
Una volta selezionato il piano più idoneo alle proprie esigenze, il consumatore che intende richiedere un prestito personale è tenuto alla compilazione di un’apposita domanda di finanziamento alla quale dovrà necessariamente allegare copia di un documento valido, una certificazione di anzianità lavorativa, dati anagrafici, copia dell’ultima busta paga o cedolino pensione, CUD e dichiarazione dei redditi (730 o modello unico se lavoratore autonomo).
L’istituto erogante valuta la richiesta di prestito nel dettaglio ed analizza le garanzie offerte: una volta calcolata la fattibilità del finanziamento, la sostenibilità della rata e controllata l’affidabilità creditizia del soggetto richiedente, si esprime sull’erogazione della somma richiesta. In caso di esito positivo, l’importo concordato con la società finanziatrice viene accreditato direttamente su conto corrente oppure concesso tramite assegno o contanti, in base alle condizioni contrattuali stipulate.

Condividi:
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google
  • OKnotizie
  • Technorati
  • Wikio IT
  • E-mail this story to a friend!
lug  11
5
alle 11:50
da kenobi

Ultimo commento:

di Mauro Sirigu il 01/1/70

Salve Patrizia, mi chiamo Mauro Sirigu, e avrei bisogno di un finanziamento per terminare un pro...

News

Da Ditascanostra al Journal.it

communica-logoDa domani per tutti i lettori di questo blog ci sarà una grande novità. I contenuti di Ditascanostra infatti andranno ad arricchire il menù di un nuovo giornale online. La nuova creatura si chiama ilJournal.it ed è la naturale prosecuzione di un network di blog che si chiama Communicagroup e che è online dal 2004. Per tutti voi sarà l’occasione non solo per continuare a leggere post dedicati ai temi del consumo e del risparmio, ma anche per buttare uno sguardo su altri ambiti che vanno dall’ecologia alla salute, dalle nuove tecnologie alla politica, dagli accadimenti internazionali ai personaggi della televisione. Un mix di notizie che rappresenta l’evoluzione di un lavoro di 4 anni fatto da Communicagroup con i suoi redattori e i suoi blogger. Nulla cambia dunque per voi che seguite Ditascanostra. Continuerete a trovare i vostri argomenti preferiti nelle sezioni del Journal dedicate ai consumi e all’economia. Da domani dunque il vostro sito di riferimento non sarà più Ditascanostra, ma ilJournal che troverete a questo indirizzo www.communicagroup.it
E…… naturalmente buona lettura a tutti.

Condividi:
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google
  • OKnotizie
  • Technorati
  • Wikio IT
  • E-mail this story to a friend!
set  10
10
alle 05:45
da giuseppe

Ultimo commento:

di biondo il 01/1/70

era ora, il nuovo sito è molto bello e ben fatto.

News, banche, crisi

Allarme mutui e prestiti: crescono le famiglie che non ce la fanno a pagare

EuriTecnicamente si chiamano sofferenze, e rappresentano in sostanza le rate per mutui e prestiti che non sono state regolarmente estinte. Ebbene, pare proprio che in Italia, complice la crisi, inutile sottolinearlo, il totale di queste somme dovute e non pagate, stia pericolosamente salendo. Una constatazione che giunge dal supplemento al Bollettino statistico di luglio della Banca d’Italia. Nel rapporto si legge infatti che le sofferenze bancarie nel nostro Paese continuano a crescere, ossia sono in costante aumento tutti coloro i quali, avendo acceso un prestito personale di qualunque entità e tipo (ivi compresi i mutui per l’acquisto di abitazioni), sono “costretti” dalla propria situazione economica a chiedere il salto di almeno una rata di pagamento, fino all’estremo di coloro i quali perdono il bene acquistato perché Continua a leggere… »

Condividi:
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google
  • OKnotizie
  • Technorati
  • Wikio IT
  • E-mail this story to a friend!
set  10
10
alle 12:50
da giuseppe

Ultimo commento:

di marie il 01/1/70

Ciao Più che la cura per la vostra domanda di prestito Mi tien è informati che c'è un'istituzi...

News, consumatori

Rai, la denuncia dei consumatori affossa “Affari tuoi”

images-2Addio alla trasmissione Affari tuoi, uno dei più grandi successi, in termini di ascolto, della programmazione di Raiuno. La scelta di cancellare dal palinsesto il famoso gioco dei pacchi, non è però da attribuire a scelte editoriali, quanto ad una precisa denuncia che metteva in dubbio la regolarità del gioco. Tutto nasce da un libro di Massimiliano Dona, segretario generale dell’Unione nazionale consumatori, l’Unc. Nel volume, appunto, venivano denunciate le irregolarità nello svolgimento della trasmissione. La mancata messa in onda della trasmissione è da interpretarsi dunque come un segnale di rispetto nei confronti dei cittadini che pagano il canone. Lo stop del programma rappresenta un segnale chiaro: Raiuno deve aver compreso che era meglio attendere Continua a leggere… »

Condividi:
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google
  • OKnotizie
  • Technorati
  • Wikio IT
  • E-mail this story to a friend!
set  10
10
alle 12:24
da giuseppe

Leggi, News, Risparmi, consumi

Sms a caro prezzo: in arrivo un tetto alle tariffe?

imagesE’ un fatto noto ormai da tempo che il prezzo degli sms in Italia sia tra i più alti a livello internazionale. Una situazione più volta denunciata, ma che per il momento non ha trovato nessuna soluzione. E questo nonostante nel nostro Paese ci sia un’adeguata concorrenza tra i vari operatori presenti sul mercato. Fatto sta comunque, che numerose associazioni dei consumatori hanno messo in rilievo da tempo che le tariffe dei messaggini in Italia sono troppo alte. Una di esse, il Codacons, ora ha deciso di passare alla vie di fatto presentando una denuncia specifica al Tar del Lazio. L’iniziativa sembra aver sortito buoni esiti, visto che il tribunale amministrativo ha accolto la richiesta e ora l’Agcom, l’Autorità per le garanzie nelle telecomunicazioni, aprirà dunque un’istruttoria per Continua a leggere… »

Condividi:
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google
  • OKnotizie
  • Technorati
  • Wikio IT
  • E-mail this story to a friend!
set  10
9
alle 04:57
da giuseppe

Ultimo commento:

di sara il 01/1/70

Passare a Skebby è l'unica vera soluzione per risparmiare!!!! e sopratutto si rende giustizia ad...

Lavoro, News, crisi, economia

Incentivi per chi crea lavoro e innovazione: forse qualcosa si muove

imprenditoria-femminile-300x199Era ora che qualcuno pensasse davvero di provare a stimolare il mercato del lavoro. L’iniziativa in questione prevede di fornire incentivi per tutte le aziende commerciali e turistiche del territorio che effettueranno interventi di innovazione di processo e di organizzazione. Insomma un modo per sostenere le aziende, permettere loro di svilupparsi in un periodo di forte crisi e per questa via generare naturalmente nuovi posti di lavoro. Per il momento l’idea è venuta alla Regione Toscana dove per poter usufruire dello stanziamento c’è tempo fino al 30 settembre prossimo, basta far pervenire le domande di finanziamento, che dovranno essere redatte esclusivamente online. Gli importi richiedibili sono variabili, dipendono dal comparto commerciale preso in considerazione, e variano da un minimo di 50mila ad un massimo di Continua a leggere… »

Condividi:
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google
  • OKnotizie
  • Technorati
  • Wikio IT
  • E-mail this story to a friend!
set  10
9
alle 01:09
da giuseppe

Ultimo commento:

di fontaine il 01/1/70

Privato svizzero, canadese, belga o francese, portoghese Offro finanziamento di € 2.000 a € ...

Leggi, News, consumi

Studenti universitari in affitto: la piaga dei contratti in nero

Trentino-Affitti-universitariInizia un nuovo anno accademico e puntuali tornano le polemiche sugli affitti per studenti universitari. Un nodo per il quale da tempo ormai si cerca una soluzione che però appare ancora lontana. Mancano case per studenti, mancano abitazioni a costi accessibili e poi c’è la piaga dei contratti a nero. Secondo alcune stime attendibili, a Roma ad esempio, il 70% degli affitti proposti agli studenti sarebbe in nero o, se sono registrati, hanno un costo di locazione talmente elevato da rappresentare un lusso a vantaggio di pochi. La denuncia arriva dall’associazione Codici che riprendendo dati forniti dal ministero dell’Istruzione, rende noto anche che nel Lazio sarebbero quasi 79 mila gli studenti fuori sede, di cui 47mila sono a Roma. Con questi numeri si capisce bene come Continua a leggere… »

Condividi:
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google
  • OKnotizie
  • Technorati
  • Wikio IT
  • E-mail this story to a friend!
set  10
9
alle 12:11
da giuseppe

News, consumi

Sciopero benzinai: per i consumatori solo un danno

benzinaioDal 15 al 17 settembre i benzinai attueranno uno sciopero con la serrata di tutte le pompe di benzina. Ancora una volta il prezzo dei carburanti diventa così un tema caldo. Solo che a rimetterci purtroppo saranno come al solito sempre i cittadini. Infatti senza entrare nel merito delle richieste dei gestori ne confronti dei petrolieri, che potrebbero essere giuste o sbagliate, il problema è che eventi come questo per i consumatori rappresentano sempre un rischio da un punto di vista economico. Sono possibili infatti manovre speculative sui listini dei carburanti, poche ore prima della chiusura dei distributori e subito dopo la loro riapertura, con rialzi ingiustificati dei prezzi di benzina e gasolio, così da approfittare della necessità dei cittadini di fare il pieno alle autovetture. L’allarme è stato lanciato dall’associazione dei consumatori Codacons che proprio per Continua a leggere… »

Condividi:
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google
  • OKnotizie
  • Technorati
  • Wikio IT
  • E-mail this story to a friend!
set  10
8
alle 04:59
da giuseppe

Ultimo commento:

di patricia il 01/1/70

offrire prestiti tra persone veloce e affidabile Io finanziere, prestatore tra particolare nello...

News, consumi, televisioni

Fregature da digitale terrestre: Mediaset premium punita dall’Antitrust

digitaleUna comunicazione che era stata inviata sotto forma di un messaggio pubblicitario e che quindi non permetteva al consumatore di rendersi conto dell’adeguamento del canone. Con questa motivazione l’Autorità garante per la concorrenza e il mercato, l’Antitrust, ha condannato Mediaset a una multa di 130mila euro. La vicenda riguarda l’introduzione nel pacchetto “Mediaset Premium Gallery” di due nuovi canali cinema, chiamati “Cinema Energy” e “Cinema Emotion”, con l’aumento del canone di 2 o 4 euro al mese (a seconda del tipo di abbonamento). Ebbene, per molti questa si è trattata di una vera e propria fregatura, perché come accennato tanti telespettatori non hanno percepito la comunicazione ricevuta come un avviso, ma piuttosto come semplice attività di marketing. Una forma di raggiro che ha fatto arrabbiare il Movimento consumatori, che oltre alla multa, pensa ora di Continua a leggere… »

Condividi:
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google
  • OKnotizie
  • Technorati
  • Wikio IT
  • E-mail this story to a friend!
set  10
8
alle 12:55
da giuseppe

Ultimo commento:

di zpwqvhtzjl il 01/1/70

BFTTNc sumelcrruzav

Senza categoria

Digitale terrestre: sarà pure un disastro, ma almeno non dimenticate gli incentivi

decoderCome già preannunciato in un precedente post a breve, tra ritardi e posticipi, ci sarà il definitivo switch off in molte Regioni del Nord. In pratica si dirà definitivamente addio alla vecchia tv analogica per passare alla totale trasmissione in digitale terrestre. Per tutti quelli che ancora non si fossero attrezzati con una nuova tv o con un decoder, è bene ricordare che nonostante il digitale terrestre si porti dietro un sacco di inconvenienti, per qualcuno esiste un incentivo da sfruttare. Certo riguarda una cerchia molto ristretta di cittadini, però almeno per qualcuno potrà valere come una piccola consolazione per i tanti disagi da sopportare. Ebbene allora ricordo a tutti che i contributi sono destinati solo alle persone con un’età superiore ai 65 anni che risiedono in Continua a leggere… »

Condividi:
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google
  • OKnotizie
  • Technorati
  • Wikio IT
  • E-mail this story to a friend!
set  10
7
alle 01:27
da giuseppe